Golia - Le Ali dell'autotrasporto
golia
Le Ali dell'Autotrasporto

Autotrasporto: continua la crescita dei prezzi, nuovo record

02/05/2022

Nuovo record negativo. Secondo l’European Road Freight Rate Benchmark pubblicato dall’IRU, le tariffe nell’autotrasporto hanno raggiunto il massimo storico nel primo trimestre (Q1) del 2022 (gennaio-marzo). Le crescenti pressioni sui costi, le interruzioni dell'offerta e della capacità, il cambiamento normativo e la guerra in Ucraina hanno creato un potente mix di fattori trainanti. Il tasso dell'indice di riferimento è aumentato di 4,3 punti rispetto al trimestre precedente, mentre è aumentato di 7,5 punti rispetto al primo trimestre del 2021.

Il risultato delle forze che si stanno attualmente esercitando sul mercato europeo del trasporto merci su strada è un contesto di mercato incerto, sfidante e complesso. Dopo l'esuberante spesa dei consumatori nel 2021, l'aumento dell'inflazione nei primi tre mesi del 2022 e l'aspettativa di tassi di interesse più elevati a venire hanno visto indebolire la fiducia dei consumatori in gran parte dell'Europa, compresi Germania, Regno Unito, Spagna, Italia e Francia. 

Gli effetti dell'inflazione dal lato dell'offerta del mercato europeo del trasporto merci su strada, in particolare sui prezzi del diesel, hanno portato a sostanziali aumenti delle tariffe nel primo trimestre del 2022. La guerra in Ucraina e la successiva restrizione di forniture di petrolio dalla Russia verso l’Europa ha portato a un’ulteriore pressione sui prezzi. La media ponderata a livello europeo di un litro di diesel è aumentata notevolmente dal terzo trimestre del 2021. Rispetto al minimo indotto dalla pandemia di € 1,10 durante il secondo trimestre del 2020, il costo medio ponderato del diesel è stato del 52,7% superiore nel primo trimestre del 2022. 

“Il mercato europeo del trasporto merci su strada è condizionato da una dinamica inflazionistica a partire dal 2021: le tariffe aumentano gradualmente, e l’attuale trend non sembra mostrare segni di cedimento. Oltre ai fattori già noti da diversi mesi (domanda dinamica con la riapertura delle economie post Covid, aumento dei prezzi dei carburanti, pressione sulle capacità e carenza di conducenti), c'è ora un parametro che è esterno ai consueti problemi del settore: la guerra in Ucraina. Questo conflitto sta sconvolgendo le catene di rifornimento europee, influenzando la disponibilità degli autisti e causando un'impennata senza precedenti nei costi del carburante. Nei prossimi mesi, possiamo aspettarci ulteriori rincari nei costi di trasporto, che potrebbero alimentare un successivo aumento dei tassi. Tuttavia, l’aumento dei prezzi potrebbe essere contenuto da una stasi della domanda europea in risposta all'inflazione diffusa nei beni e nei servizi", ha commentato Thomas Larrieu, Chief Executive Officer di Upply, società di logistica. 

Gli effetti peggiori di questo aumento del prezzo del carburante potrebbero non essere ancora stati registrati nell'indice trimestrale, poiché il picco dei prezzi si è verificato solo dopo l'inizio della guerra in Ucraina il 24 febbraio, e i vettori hanno potuto utilizzare il carburante acquistato in anticipo a prezzi inferiori fino alla fine di febbraio e all'inizio di marzo. Con le riserve di carburante a basso costo ora esaurite, è probabile che l'impatto sulle tariffe aumenterà nel breve termine.

Mentre l'effetto più evidente della guerra in Ucraina è stato l'aumento dei prezzi del carburante, il conflitto ha anche aggravato la situazione di carenza di conducenti europei, facendo aumentare il costo del lavoro e applicando una maggiore pressione al rialzo sulle tariffe. Nuovi dati IRU mostrano la carenza di autisti aumentare in tutta Europa, arrivando a 425.000 posizioni vacanti nel 2021. Questa carenza è stata peggiorata dalla guerra, con più di 228.000 autisti extra comunitari che operavano in Europa nel 2021, molti dall’Ucraina e dalla Bielorussia. 

“L'aumento senza precedenti dei costi di trasporto in Europa, in particolare a causa dell'aumento dei costi del diesel, delle interruzioni della fornitura e della capacità, sta attualmente mettendo gli operatori logistici e l'intera catena di approvvigionamento sotto pressione. Cambiamenti normativi e la guerra in Ucraina aggravano l'incertezza e la complessità per il settore europeo dei trasporti su strada”, afferma Vincent Erard, direttore dei servizi corporate di IRU. 

Le prospettive per il 2022 prevedono che l'inflazione persista nella maggior parte delle economie e il prezzo del carburante rimanga elevato, quindi è altamente probabile che le tariffe di trasporto rimarranno elevate e potrebbero persino continuare ad aumentare nei prossimi trimestri in tutta Europa, almeno fino alla fine del 2022. 

Tuttavia, poiché gli effetti più ampi dell'aumento dell'inflazione iniziano a ridurre la domanda dei consumatori ed è probabile che le banche centrali aumentino i tassi di interesse per contenere l'inflazione, dovremmo aspettarci un calo sostanziale della domanda aggregata nel corso del 2022. È probabile che ciò si traduca in un rallentamento della crescita del volume di merci su strada nel corso dell'anno, il che potrebbe aiutare ad alleviare la pressione al rialzo sulle tariffe poiché la capacità disponibile compete per un minor numero di carichi.



CONTATTACI

contacts
© 2021 Infogestweb s.r.l.
Via Belvedere, 15
37066 Sommacampagna (VR)
Grazie, il tuo messaggio è stato inviato correttamente!
Sbam! Qualcosa è andato storto...