News

Pubblicazione: 08/05/2020

Eccoci anche oggi con il consueto aggiornamento di Infogestweb-Golia sulla situazione europea alle frontiere. 
Per facilitarne la consultazione, tutte le informazioni sono state suddivise per Stato di competenza
 
Bulgaria
Aggiornato al 07.05.20
 
Il 7 maggio il governo bulgaro ha adottato le seguenti disposizioni:
 
  • Sono stati revocati i seguenti punti di controllo speciali, inizialmente stabiliti in tutte le entrate e le uscite della città di Bansko e di tutti i centri regionali: Blagoevgrad, Burgas, Varna, Veliko Tarnovo, Vidin, Vratsa, Gabrovo, Dobrich, Kardzhali, Kyustendil, Lovech, Montana, Pazardzhik, Pernik, Pleven, Plovdiv, Razgrad, Ruse, Silistra, Sliven, Smolyan, Sofia, Stara Zagora, Targovishte, Haskovo, Shumen, Yambol. Gli autisti ora possono entrare e uscire liberamente da queste città senza ritardi.
 
  • L'uso della mascherina è già obbligatorio in spazi pubblici chiusi. Tuttavia, le persone e i conducenti che si trovano in luoghi pubblici aperti sono tenuti a rispettare il distanziamento sociale e tutte le misure antiepidemiche, indossando la mascherina nel caso in cui sia necessario entrare in contatto con gli altri.
 
  • Le autorità sanitarie di frontiera hanno smesso di rilasciare note di istruzione ai conducenti non bulgari che entrano in Bulgaria; ciò ridurrà i tempi di attesa ai valichi di frontiera.
 
Il regime per i conducenti non bulgari provenienti da un paese con casi registrati COVID-19 è attualmente il seguente:
 
  • I conducenti che trasportano merci destinate al mercato bulgaro devono entrare in Bulgaria, scaricare le merci trasportate (e caricare merci per il viaggio di ritorno, se necessario) e lasciare immediatamente il Paese.
  • Il transito attraverso la Bulgaria è consentito solo sulle rotte stabilite dall'Agenzia per le infrastrutture stradali.
  • La permanenza in Bulgaria non può superare le 24 ore dall'ingresso nel Paese.

Ucraina
Aggiornato al 07.05.20
 
A partire dal 6 maggio, il governo ucraino ha aperto il valico di frontiera tra Rawa Ruska e Hrebenne, che si trova al confine con la Polonia.

Spagna
Aggiornato al 07.05.20
 
Il 6 maggio, il governo spagnolo ha esteso lo stato di allarme fino al 24 maggio; vengono mantenute le stesse disposizioni precedentemente introdotte.

Uzbekistan
Aggiornato al 07.05.20
 
A partire dal 30 aprile, tutti i camion che arrivano in Uzbekistan saranno indirizzati verso aree di parcheggio speciali vicino ai valichi di frontiera, dove ai conducenti sarà effettuato il test per rilevare un eventuale contagio da Coronavirus. I veicoli e i loro conducenti dovranno trattenersi in tali aree fino all'annuncio dei risultati del test:
  • Se il test è negativo, il conducente potrà proseguire il viaggio in base alla rotta confermata.
  • Se il test è positivo, il conducente verrà portato in una struttura medica in conformità con le normative e il copilota, se presente, verrà trasferito in una struttura per poter effettuare la quarantena. Dopo la completa disinfezione del veicolo, l'operazione di trasporto potrà continuare con un altro conducente; in alternativa le merci trasportate potranno essere trasferite su un altro veicolo sotto controllo doganale.
 
I conducenti stranieri che entrano in Uzbekistan per consegnare la merce devono lasciare il territorio entro 10 giorni. Se durante questo periodo devono ritirare la merce per la tratta di ritorno, sono tenuti ad attendere nell'area di parcheggio designata più vicina al luogo di consegna.
 
Le seguenti situazioni sono considerate una violazione delle regole di quarantena:
  • Deviazione dal percorso pianificato;
  • Mancato utilizzo di indumenti protettivi, maschere o guanti;
  • Mancato rispetto dei tempi previsti per il rimpatrio;
  • Mancanza dei documenti di trasporto necessari (patente di guida, documenti di nulla osta, certificati, permessi di trasporto internazionali).

Fonte informazioni: iru.org


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy