News

Pubblicazione: 31/08/2021

Da mercoledì 1° settembre entrerà in vigore l’obbligo di green pass per l’utilizzo dei mezzi di trasporto a lunga percorrenza. La disposizione si applica anche agli autisti degli automezzi adibiti al trasporto di merci che si imbarcano sui traghetti, tranne quelli per l’attraversamento dello stretto di Messina e sulle navi ro.ro.
 
I vettori saranno tenuti a verificare il rispetto dell’obbligo e le verifiche delle certificazioni verdi (secondo le indicazioni del DPCM 17 giugno): la violazione delle disposizioni sarà sanzionata con una multa tra i 400 e i 1000 euro.
 
La misura è contenuta nel decreto legge n. 211/2021 recante “Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti”.
 
Il dettaglio del provvedimento
Il decreto stabilisce che fino al 31 dicembre 2021, ovvero fino alla cessazione dello stato di emergenza, la certificazione verde è necessaria su tutte le navi e i traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale. L'obbligo di green pass non scatta per le navi in servizio sullo Stretto di Messina e gli aliscafi che collegano la terraferma con isole minori sono considerati trasporto locale e per ora non fanno scattare l'obbligo di utilizzo del green pass.
 
L’obbligo varrà anche sugli autobus di linea che collegano regioni diverse e su quelli a noleggio con conducente: sugli autobus urbani, le metropolitane e i tram, invece, non è previsto l'uso del green pass, ma solo il rispetto delle norme sul distanziamento e sull'uso delle mascherine negli ambienti chiusi. Per il trasporto pubblico locale la capienza dei mezzi è delll’80%, sia in zona bianca che in zona gialla.
 
L’accesso e l’utilizzo di aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone sarà consentito esclusivamente ai soggetti muniti di green pass.

Il certificato verde dovrà essere esibito anche per salire sui treni a lunga percorrenza, ossia l'alta velocità e gli Intercity (compresi gli Intercity notte): la capienza sarà aumentata dal 50 all'80 per cento. Sui treni regionali o locali il green pass non è necessario.
 


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy