Normative

Pubblicazione: 08/03/2017

Parte tutto dal 1° marzo ma fino al 7 marzo viene concessa una tolleranza. Parliamo della comunicazione preventiva di distacco che, come informa la direzione centrale di vigilanza dell'ispettorato del Lavoro con una nota del 28 febbraio, adesso si può effettuare il Modello di comunicazione UNI_CAB_UE all'interno della piattaforma Distacco UE predisposta dal ministero del Lavoro dallo scorso 22 dicembre 2016 e non più, come in precedenza, mediante l'invio del Modello cartaceo all'indirizzo di posta elettronica cabotaggio.distaccoue@lavoro.gov.it .
 
In questo modo le imprese straniere dovranno utilizzare la procedura online per effettuare la dichiarazione preventiva di distacco del personale impiegato in italia entro le 24 ore del giorno antecedente alla prima operazione. A chi avesse già provveduto a dare comunicazione tramite mail non ne verrà richiesta una ulteriore.
 
Per consentire un riscontro immediato delle comunicazioni da parte degli organi di controllo, bisogna sempre conservare a bordo del veicolo le copie di tali comunicazioni contenente le seguenti informazioni:
  • dati del prestatore di servizi/impresa distaccante;
  • generalità dei lavoratori distaccati;
  • generalità e domicilio eletto del referente ex. art. 10 comma 3 lett. b, D.Lgs 136/2016;
  • generalità del referente di cui al comma 4 del medesimo articolo 10.
Si ribadisce altresì, in merito alla compilazione del modello UNI_CAB_UE, che nella sezione 3.1.1 relativa alla durata del distacco vanno inserite rispettivamente la data della prima operazione di cabotaggio effettuata sul territorio italiano - data inizio distacco - nonchè quella dell'ultima operazione di cabotaggio effettuata prima dell'uscita dal nostro territorio - data fine distacco. Va tenuto presente, infine, come l'azienda straniera distaccante che dovrà effettuare per la prima volta la trasmissione della comunicazione, dovrà acquisire specifiche credenziali di accesso al sistema disponibile sul portale istituzionale del ministero del Lavoro, mediante una  preventiva registrazione con inserimento dei dati identificativi dell'azienda straniera. Con le credenziali ricevute al momento della registrazione Cliclavoro, si accede al box "Azienda" - visualizzabile dopo aver selezionato Profilo utente . presente nell'area riservata. Quindi si dovrà poi cliccare su "Aggiungi" e procedere alla registrazione dell'azienda straniera (non dovrà essere inserito il codice fiscale, ma selezionare la spunta "Non sono in possesso di P.IVA." e compilare il campo "Codice Identificativo"). Per eventuali problemi nella registrazione o compilazione il ministero mette a disposizione indirizzi email dedicati: 
distaccoue@lavoro.gov.it; clic4help@lavoro.gov.it
 
Articolo a cura di


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy