News

Pubblicazione: 30/03/2021

La Corte di giustizia dell'Unione europea è intervenuta su un caso che ha interessato due autotrasportatori italiani sanzionati nel 2013 per irregolarità relative ai fogli del tachigrafo.

La sentenza della Corte ha stabilito che, in caso di controllo da parte delle Forze dell'ordine, i conducenti di camion, pullman e autobus che non presentano i fogli di registrazione del cronotachigrafo relativi alla giornata del controllo e ai 28 giorni precedenti, sono soggetti a una sola sanzione. Indipendentemente dal numero di fogli di registrazione mancanti.

La Corte Ue era stata chiamata a pronunciarsi sul caso italiano su richiesta della Corte di Cassazione.

Il caso italiano del 2013 e il ricorso contro la prefettura
Nel 2013, durante due controlli su strada in Italia, le autorità italiane hanno sanzionato due autisti di mezzi pesanti perché non erano in grado di produrre i fogli di registrazione del tachigrafo installati a bordo dei loro veicoli per il giorno in corso e per molti dei 28 giorni precedenti. Ai due è stato inflitto un numero di sanzioni amministrative corrispondente al numero dei fogli mancanti.

Gli autisti hanno presentato ricorso contro la prefettura di Firenze su tali sanzioni, sostenendo che potesse essere irrogata un'unica sanzione.

Con la sentenza del 24 marzo 2021 nelle cause C-870/19 e C-871/1, la Corte ha dato ragione agli autisti.


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy