News

Pubblicazione: 27/01/2021

Gli operatori del trasporto e della logistica hanno ricoperto un ruolo fondamentale durante la pandemia e, in considerazione del lavoro da tutti riconosciuto, è importante che il Governo li consideri come “categoria prioritaria per la vaccinazione”. Lo ha chiesto il presidente di ALIS, Guido Grimaldi, spiegando che l’Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile - consapevole delle difficoltà che il momento comporta - sta seguendo con attenzione le varie fasi della campagna di vaccinazione con la speranza che al più presto possa diventare un diritto esteso a tutta la popolazione.

“Se è vero che, come ha giustamente definito il Governo, l'ordine di priorità deve tener conto del rischio di malattia, così come della disponibilità dei vaccini stessi, è altrettanto legittimo – ha aggiunto il Presidente di ALIS - ritenere che l’intero popolo del trasporto e della logistica debba rientrare tra queste categorie prioritarie, in considerazione del fondamentale lavoro svolto di approvvigionamento quotidiano per tutto il nostro Paese, e in particolare per la fornitura dei vaccini stessi, dei medicinali e dei prodotti sanitari per gli ospedali, e per l'approvvigionamento di tutta la grande distribuzione organizzata e del comparto industriale e agricolo-alimentare, ecc.”.

Il Presidente ha sottolineato che i marittimi, gli autisti, i ferrovieri, gli operatori logistici, i magazzinieri, gli agenti e i terminalisti portuali ed interportuali stanno continuando a svolgere il proprio lavoro con forte senso del dovere, coraggio, professionalità e responsabilità, “e per questo è necessario tutelarli come essenziali nella catena di approvvigionamento globale delle merci”.

Plausi e segnali di vicinanza e stima sono stati rivolti dal Papa e dal Governo a tutto il comparto del trasporto e della logistica per il lavoro eroico svolto durante l’emergenza socio-sanitaria: adesso il cluster ALIS chiede la massima attenzione alle Istituzioni “per tutelare concretamente la salute di chi garantisce ogni giorno la consegna di merci e beni di prima necessità, tra cui prodotti alimentari, sanitari e farmaceutici, così come la distribuzione stessa dei vaccini su tutto il territorio nazionale”.


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy