Trasporto Persone

Pubblicazione: 11/03/2020

Infogestweb-Golia, attraverso i propri canali infornativi, sta continuando a reperire notizie al fine di divulgare indicazioni affidabili con riferimento alla situazione creatasi, in Italia e non solo, a causa dell’epidemia da Coronavirus e con focus particolare sulle attività di autotrasporto.
 
Per quanto riguarda il trasporto passeggeri, sono state interpellate numerose aziende tra quelle clienti di Infogestweb-Golia che, indistintamente, hanno adottato provvedimenti rilevanti per limitare il rischio di contagio o che ne stanno comunque subendo le conseguenze.
 
Ecco il panorama emerso a seguito delle interviste portate a termine in questo primo monitoraggio.
 

Flixbus, azienda che effettua servizi di trasporto a basso costo in tutta Europa e non solo, dopo aver inizialmente sospeso le linee dirette in Croazia, Slovenia e Austria, ha allargato il provvedimento estendendolo a tutti gli stati esteri e a tutte le linee nazionali, riservandosi di valutare servizi ridotti o modalità adeguate alle circostanze. Anche Bla Bla Bus ha adottato le stesse misure a livello nazionale ed europeo.
 
Mirante Turismo e S.I.T, aziende rispettivamente di Napoli e Roma che offrono servizi di noleggio turistico autobus e shuttle, hanno interrotto l’erogazione del servizio a livello internazionale, bloccando parallelamente anche quello delle navette da e per gli aeroporti italiani.
 
Caputo bus, azienda di Avellino, operante nel settore del noleggio autobus con conducente e delle autolinee, ha mantenuto attive unicamente 2 linee, a servizio ridottissimo, per assicurare i trasferimenti ai pendolari di Roma e Napoli. Un pullman appartenente alla flotta è stato oggetto di verifica su strada da parte degli organi di controllo che hanno provveduto a misurare la temperatura corporea a tutti i passeggeri, ponendo l’autista in quarantena; non è noto se quest’ultimo presentasse sintomi influenzali oppure se avesse avuto contatti con altri soggetti contagiati.
 
La Valle Trasporti, azienda di Ferrara, attiva nel mercato del noleggio autobus e delle linee, anche a lunga percorrenza, ha bloccato totalmente l’attività di noleggio, garantendo però il servizio di trasporto pubblico locale, ma con il 60% di passeggeri in meno a bordo.
 
Club Dellai e Trentinobus, aziende trentine, specializzate nel noleggio di pullman gran turismo, per servizi turistici nazionali ed internazionali, hanno annullato tutte le attività di noleggio, continuando però ad assicurare i servizi di linea. Risultano comunque attivate procedure di sicurezza quali l’inibizione dei posti a sedere anteriori per limitare il contatto con l’autista, insieme all’obbligo di occupare le sedute a file alternate per garantire la distanza minima tra i passeggeri.
 
Morandi, azienda di Varese, specializzata nel trasporto turistico di persone, ha cancellato tutti gli impegni di carattere turistico, bloccando un centinaio di pullman all’interno dei propri piazzali.
 
Genovarent, azienda di Genova, anch’essa impegnata nel trasporto di persone, ha fermato l’attività di noleggio, garantendo però il servizio di trasporto pubblico locale grazie all’adozione di alcune precauzioni come: l’imbarco di un numero ridotto di passeggeri disposti a sedute alternate, la chiusura della prima fila, l'impiego esclusivamente di conducenti mai transitati all’interno delle “Zone Rosse” negli ultimi 14 giorni.
 
Sais, azienda di Palermo, operante nel trasporto passeggeri, sta svolgendo unicamente trasporto pubblico locale, anche se, in via ufficiosa, si ipotizza che anche quest’ultimo potrebbe essere limitato o bloccato totalmente.
 
Pasqualini, società veronese di noleggio autobus con conducente, ha fermato l’intera flotta a seguito della sospensione di tutti i servizi.
 
Simet, società calabrese di noleggio bus, autolinee e servizi per il turismo in Italia ed all'estero, ha anch’essa sospeso tutti i servizi. Anche in questo caso ci viene riportato un controllo effettuato su strada a seguito del quale, considerato il malore di un passeggero, l’autista è stato posto in quarantena fiduciaria.
 
Flybus, società veneziana specializzata in trasporto turistico e di linea di passeggeri, ha sospeso l’erogazione dei propri servizi.
 
Cortina Express, azienda con sede a Cortina d’Ampezzo che opera nel campo delle autolinee a lunga percorrenza e nel noleggio autobus con conducente, comunica che sono tutt’ora assicurati i servizi di linea che collegano Cortina D’Ampezzo, ma con forte riduzione del flusso di passeggeri.
 
Gruppo STAT, di Casale Monferrato (AL) e a cui fanno capo diverse realtà operanti nel trasporto di persone sia turistico che di linea, riporta anch’esso il totale fermo dei servizi turistici. Con riguardo, invece, ai servizi di linea questi vengono attualmente e regolarmente svolti, nonostante una forte riduzione del numero di passeggeri e a fronte dell’adozione di stringenti accorgimenti preventivi quali l’interdizione dei posti a sedere anteriori per limitare il contatto con l’autista e sedute a file alternate per garantire la distanza minima tra i passeggeri.
 
Oliviero Tours, che ha sede a Vicenza ed opera nel noleggio autobus con conducente per viaggi di turismo e affari in Italia e all’estero, segnala di aver dovuto fermare l’intera flotta ormai da alcuni giorni, essendo in attesa di attivare le procedure di cassa integrazione per i propri lavoratori.

 
Le problematiche comuni a tutto il settore che sono emerse dal monitoraggio condotto da Infogestweb-Golia risultano, pertanto, essere le seguenti:
 
  • Fermo totale del traffico turistico;
  • Decremento rilevante del traffico passeggeri sui servizi di linea, stimato mediamente attorno al 60%;
  • Fortissima aspettativa delle aziende operanti nel settore, motivata dal quasi totale fermo e dal conseguente azzeramento dei flussi finanziari, in termini di intervento statale a supporto del settore per garantirne la sussistenza in attesa della possibilità di riprendere le normali attività.
  • Situazione critica per i lavoratori discontinui: i cosiddetti autisti a chiamata, ingaggiati saltuariamente e all’occorrenza, vedono azzerato il loro reddito a causa dell’intervenuta assenza di lavoro.
 
Tutte le aziende intervistate hanno, poi, lamentato la difficoltà di accedere alle procedure di cassa integrazione a causa della previsione contenuta nel CCNL di settore per la quale tale accesso è subordinato allo smaltimento preventivo delle ferie dei lavoratori. Risulta chiaro come tale limitazione comporti l’attesa di tempi medi di alcuni mesi, durante i quali le aziende risulterebbero lasciate sole nell’affrontare una criticità spesso al di là della loro capacità finanziaria.
 
Da ultimo viene segnalato come le aziende che operano anche in qualità di agenzie viaggi stiano trovandosi ad affrontare l’ulteriore grave difficoltà derivante dall’obbligo di rimborsare ai clienti le prenotazioni disdette.
In particolare per i voli aerei, infatti, sembrerebbe che spetti alle agenzie l’obbligo del rimborso,  senza che a questo corrisponda l’obbligo delle compagnie aeree di retrocedere le stesse somme alle agenzie.
 
Infogestweb-Golia continuerà a tenere monitorata la situazione continuando nell'attività di analisi e divulgazione informativa intrapresa.
 
Per qualsiasi delucidazione o segnalazione il Team Golia è a disposizione ai recapiti che seguono:
Tel: 045 2477462


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy