News

Il 18 maggio 2017 è stata approvata da parte del Parlamento Europeo, una Risoluzione sul trasporto stradale nell’Unione Europea, che si allega (edizione provvisoria), con l’obiettivo di individuare e di affrontare le prossime sfide che riguardano il predetto settore che – ricordiamo – rappresenta un importane snodo per l’economia, dato che assicura 5 milioni di posti di lavoro diretti e contribuisce per quasi il 2 % al PIL dell'UE, con 344.000 imprese di trasporto di persone su strada e oltre 560.000 imprese di trasporto di merci su strada.

In particolare, la risoluzione –  nell’evidenziare che “il  trasporto su strada costituisce un motore dell'economia dell'UE e dovrebbe continuare a svolgere un ruolo di primo piano nella generazione di ulteriore crescita economica e nella creazione di posti di lavoro, come pure nella promozione della competitività e della coesione territoriale” – ha indicato tutta una serie di punti reputati fondamentali ed essenziali per il progresso, l’avanzamento e lo sviluppo, sotto ogni profilo, del comparto del trasporto stradale:
 
  • migliorare la competitività e l'innovazione nel settore dei trasporti su strada;
  • agevolare la mobilità transfrontaliera su strada;
  • migliorare le condizioni sociali e di sicurezza;
  • promuovere la riduzione delle emissioni nel settore del trasporto su strada.
Ora, non resta che attendere quali saranno le determinazioni degli organi comunitari e degli Stati membri in ordine alla corretta attuazione di quanto previsto dal Parlamento UE.

In allegato Risoluzione del Parlamento UE sul trasporto su strada 18 maggio 2017
 
Articolo a cura del
CSE Autotrasporto


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy