News

Pubblicazione: 19/07/2021

Digitalizzazione e sostenibilità. Si snoda attraverso questi due valori il futuro dell'interporto Quadrante Europa di Verona. Come racconta il quotidiano "L'Arena", in quest'area nascerà, entro il 2023, una Buffer zone di 315mila metri quadrati, destinata alla sosta dei mezzi pesanti in attesa di raggiungere lo scalo di via Sommacampagna. Un progetto da 35 milioni di euro, realizzato dal Consorzio Zai e dalla Federazione Autotrasportatori Italiani di Verona.
 
Tanti i fattori positivi, visto che il progetto sarà contraddistinto dalla realizzazione di un ampio parcheggio dedicato, di un'area per rifornimento di carburanti, lavaggio e servizi di noleggio, oltre alla creazione di un motel e di servizi di ristorazione. Un lavoro orientato a migliorare la qualità di vita degli autotrasportatori e a diminuire notevolmente l'impatto ambientale, con l'obiettivo di regalare un polmone innovativo al più grande interporto europeo.


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy