News

Pubblicazione: 17/11/2021

Una guerra sullo sfondo, quella tra trasporto e stereotipi.
 
Un gigante, Golia, pronto a combattere con tutte le sue forze per sconfiggere il nemico e che lancia una sfida.
Accolta da una persona giovane, con meno esperienza di alcuni “intrepidi combattenti”, ma ardente di passione e che usa l’arma che meglio conosce: una fionda che non lancia sassi, ma parole. 
Una buona mira e il gioco è fatto. Si colpisce dritti al cuore di chi sa e vuole ascoltare. 
 
Laura e Golia insieme, verso un’unica grande vittoria: ridare dignità al mondo dell’autotrasporto. 
 
Sono Laura Broglio, camionista e blogger. Amo raccontare il mondo dell’autotrasporto visto dagli occhi di chi lo vive tutti i giorni, come me.
 
Sono curiosa, mi lancio in sfide che non conosco per riuscire a sentirmi viva. È successo con il camion, quando ho deciso che avrei voluto vedere il mondo da due metri di altezza, poi con la mia attività di blogger che mi ha dato l’opportunità di raccontare le mie esperienze e guardare la mia vita da autista sotto un altro punto di vista.
 
Guidare e scrivere hanno una cosa in comune. Ti costringono ad adottare un punto di vista differente da quello che di solito hai e ti portano, inconsciamente, a guardarti dentro.
Davanti a un’occasione apro le braccia e dico sì, perché non si sa mai cosa possa portare.
Il giorno in cui sono arrivata davanti a questo gigante, punta di diamante di Infogestweb, ero proprio come Davide. Un po’ spaesata, decisamente emozionata, molto piccola. E non è difficile capire perché, visto che sono alta quanto un Lillipuzziano, ma si dovrebbe cambiare gigante e noi preferiamo Golia. 
 
Così, mi sono aggrappata all’unica arma che avevo a disposizione, le mie idee. 
E alle volte ne basta una, per realizzare grandi cose, ma quando tutte le idee sono in linea con quelle del tuo interlocutore, allora collaborare diventa non solo doveroso, ma indispensabile. 
 
Tra il grande esercito di Golia, ho conosciuto Ennio, Marco, Alberto e il loro comandante Claudio, persone dinamiche, curiose, appassionate, energiche che hanno voglia di schierarsi e di combattere per le loro idee e per la loro visione. 
Io, insieme a loro, cercherò di comunicarvela, questa è la sfida che Golia ha voluto per me: lanciare sassi in mezzo alla folla, non per colpire, ma per risvegliare le coscienze assopite, per ridare vita ad anime spente, per creare consapevolezza dell’importanza di avere un esercito e fornirgli armi che non ledono, ma che costruiscono e che forniscono una nuova strategia di battaglia.
 
Comunicazione, formazione, inclusione, prospettiva devono sostituire tutto ciò che fino ad oggi ha costituito lo scudo di difesa delle parti e qualche arma contundente, come le offese, l’arroganza, la diffidenza, la mancanza di dialogo. Golia ha scelto armi gentili.
Aziende, i vostri combattenti sono gli autisti. 
Autisti, i vostri condottieri sono le aziende. 
Uniti per arrivare a dare un nuovo nome al trasporto, una nuova vita, una nuova identità. 
 
Dopo anni difficili come questi, in cui le certezze sono venute meno e le nuove sfide ed esigenze ci hanno destabilizzato, ci siamo resi conti che a forza di tirare la fune, i nodi si stringono e non si sciolgono. 
 
Il nostro settore, di nodi, ne ha davvero molti. 
 
Urge scioglierli per evitare che la tensione logori ancora di più la fune, fino al punto di romperla. 
Servono giganti che sorreggano il peso delle grandi funi, servono dita piccole che sì infilino tra i nodi e che allentino la tensione.
Servono consapevolezza della propria forza, una squadra formata e preparata a ciò che verrà, la voglia di toglierci di dosso l’armatura degli stereotipi per trasformarci da nemici ostili da cui difendersi, a collaboratori a cui volgere lo sguardo e la mano. 
 
Iniziamo allora a rimuovere la prima parte di quell’armatura. Quella che da sempre vede i giganti come pericolosi e temibili, quella che non ha mai tenuto in considerazione una prospettiva di collaborazione tra Davide e Golia, quella che da sempre vuole un vinto e un vincitore. 
Chissà che cambiare punto di vista, non ci aiuti a cambiare il mondo dell’autotrasporto.
 
Che dite, carichiamo la fionda? 
 


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy