News

Pubblicazione: 06/04/2020

Eccoci anche oggi con il consueto aggiornamento di Infogestweb-Golia sulla situazione europea alle frontiere e sulle deroghe sui tempi di guida e riposo.
 
Per facilitarne la consultazione, tutte le informazioni sono state suddivise per Stato di competenza.
 
Svizzera
Aggiornato al 04.04.20
 
In Svizzera la proroga dei controlli alle frontiere è stata estesa fino al 24 aprile. Tale estensione coinvolge le frontiere con tutti gli stati Schengen ad eccezione delle frontiere terrestri e aeree con Francia, Italia, Spagna, Austria e Germania, che sono state prorogate separatamente. Anche le frontiere con il Principato del Liechtenstein sono esentate dalla disposizione.
Pertanto l'attuale durata dei controlli alle frontiere è la seguente:
  • Tutte le frontiere aeree ad eccezione delle frontiere aeree con il Liechtenstein: 25 marzo 2020 - 24 aprile 2020
  • Confini aerei con Spagna, Italia, Francia, Germania e Austria: 18 marzo 2020 - 17 aprile 2020
  • Confini terrestri con Francia, Germania e Austria: 16 marzo - 15 aprile 2020
  • Frontiera terrestre con l'Italia: 13 marzo - 12 aprile 2020

Romania
Aggiornato al 05.04.20
 
Attraverso l'ordinanza militare n. 7 sono state messe in atto nuove misure che regolano il trasporto su strada di persone e merci; di seguito le novità introdotte:
  • Articolo 11 - Il trasporto internazionale su strada di persone attraverso servizi regolari, servizi speciali e servizi occasionali è sospeso fino alla fine dello stato di emergenza. La disposizione si applica alle rotte tra Romania e Italia, Spagna, Francia, Germania, Austria, Belgio, Svizzera, Regno Unito, Irlanda del Nord, Paesi Bassi e Turchia.
 
  • Articolo 12 - All'ingresso in Romania, i conducenti di veicoli commerciali di peso superiore a 2,4 tonnellate che non presentano sintomi associati a COVID-19 dovranno compilare un’autocertificazione attraverso la quale si rendono disponibili ad essere rintracciati nel periodo che intercorre tra due viaggi. Non verranno posti in quarantena, a condizione che il datore di lavoro garantisca la fornitura di dispositivi di protezione individuale.
 
  • Articolo 13 - La disposizione contenuta nell'articolo 12 si applica, di conseguenza, ai conducenti di veicoli commerciali con peso superiore a 2,4 tonnellate che si spostano per motivi di lavoro dalla Romania in un altro Stato membro dell'UE o da un altro Stato membro dell'UE in Romania, allo stato di residenza del conducente, indipendentemente dal fatto che il viaggio venga effettuato a bordo del veicolo o su un mezzo di trasporto individuale. All'ingresso in Romania i conducenti dovranno presentare un certificato di dipendente firmato dal datore di lavoro.
 
  • Articolo 14.1 - I conducenti di veicoli commerciali con peso superiore a 2,4 tonnellate che transitano nel territorio rumeno non sono tenuti a compilare la dichiarazione epidemiologica, al momento dell'ingresso in Romania, se soddisfano le seguenti condizioni minime:
    • Usano solo corridoi di transito e valichi di frontiera alle estremità di questi corridoi approvati dalle autorità competenti.
    • Il transito attraverso il territorio rumeno deve essere effettuato entro 48 ore dall'ingresso in Romania compresi i periodi di sosta per il riposo giornaliero.
    • Il parcheggio del veicolo viene effettuato esclusivamente nei parcheggi situati nei corridoi di transito identificati.
  • Articolo 14.2 - In caso di inosservanza delle condizioni di cui al paragrafo 1, il conducente del veicolo sarà obbligato a entrare in quarantena per 14 giorni, pagando le spese sostenute per la sua quarantena.
  • Articolo 14.3 - All'ingresso in Romania il conducente è tenuto ad applicare sul parabrezza un adesivo speciale messo a disposizione dall'Ispettorato di Stato per il controllo del trasporto stradale.
 
Il 4 aprile, la National Company for Road Infrastructure Administration (CNAIR) ha revocato le restrizioni alla guida per i veicoli più pesanti di 7,5 tonnellate sulla tratta Ploiesti-Brasov della strada nazionale DN1 (E60). La misura si applica fino al 16 aprile. Le restrizioni di guida sulla sezione Bucarest-Ploiesti della DN1 invece sono ancora in vigore.

Georgia
Aggiornato al 05.04.20
 
I veicoli merci immatricolati in un paese straniero possono circolare alle seguenti condizioni:
  • Dopo aver completato le procedure presso il check point doganale, i mezzi di trasporto devono spostarsi senza sosta verso una destinazione finale prestabilita.
  • Le aree di STOP POINT appositamente designate serviranno per: il rifornimento di carburante, il pagamento della tassa di circolazione, l'acquisto di beni personali e cibo, l'utilizzo dei servizi igienici, ecc.
  • In caso di emergenze o esigenze speciali (incidente d'auto, problemi di salute, ecc.), il conducente dovrà contattare i servizi competenti (chiamando il 112) e rimanere in cabina prima che i soccorsi arrivino.
  • I mezzi di trasporto dovranno lasciare la Georgia entro 24 ore dall'ingresso nel paese.
  • Si consiglia vivamente di effettuare solo pagamenti non in contanti (acquisto online, carta di credito, ecc.) e di utilizzare i dispositivi di protezione individuale (mascherina medica, guanti, ecc.).
Nota:
In caso di violazione delle regole (veicolo senza permesso, sosta nelle aree proibite, violazione dei termini di movimento, ecc.), tranne quando le condizioni meteorologiche o altri fattori esterni rendano difficoltosa la loro osservanza, il conducente del veicolo sarà multato con 3000 GEL, sarà posto in quarantena per una durata di 14 giorni e i mezzi di trasporto saranno portati nel parcheggio di sicurezza.
 
Le aree di STOP POINT si trovano in:
  • Distretti di Urbnisi - Kareli, codice catastale: 68.16.45.054;
  • Terjola– distretto di Trejola, villaggio Siktarva, codice catastale: 33.08.38.224;
  • Gori - distretto di Gori, villaggio Tiniskhidi, codice catastale: 66.44.02.033;
  • Zestaponi– distretto di Zestapoini, villaggio Argveta, codice catastale: 32.03.34.211.

Serbia
Aggiornato al 04.04.20
 
Tra le diverse misure adottate dal Governo, ai cittadini stranieri sarà temporaneamente vietato l'ingresso in Serbia. Queste misure non si applicano alle seguenti categorie:
  • l'equipaggio di autoveicoli merci durante l'esecuzione di trasporti internazionali su strada. Il trasporto internazionale di merci su strada in transito deve essere limitato a un periodo non superiore a 12 ore dal momento dell'ingresso in Serbia. La scorta della polizia per i camion in transito attraverso la Serbia è stata abolita dal 2 aprile 2020, il che consentirà un trasporto più rapido delle merci ai clienti finali. I camion in transito possono fermarsi solo nei punti di sosta designati e nelle stazioni di rifornimento contrassegnate con il segnale TRANSITO
  • I conducenti riceveranno una mappa dei punti di sosta dedicati ai valichi di frontiera. L'arresto o il parcheggio fuori da questi punti specifici è severamente vietato e sarà soggetto a sanzioni. I conducenti devono indossare maschere e guanti protettivi.
Si noti che 45 confini sono ora temporaneamente chiusi e che le operazioni internazionali di trasporto merci su strada devono essere reindirizzate verso i confini aperti.

Grecia
Aggiornato al 04.04.20
 
Il 2 aprile, il governo greco ha pubblicato un nuovo decreto ministeriale che regolamenta il periodo di quarantena che le persone che entrano in Grecia dall'estero dovranno seguire.
 
L’Art. 2 del decreto stabilisce disposizioni specifiche per i conducenti di camion:
  • I lavoratori di tutte le nazionalità impegnati in operazioni di trasporto internazionale (terrestre, aereo, marittimo) che entrano o transitano attraverso la Grecia, dopo aver raggiunto la destinazione finale all'interno del Paese, saranno posti in quarantena per 14 giorni.
Deroghe a questa regola si applicano nei seguenti casi:
  • Quando è necessario avviare una nuova operazione di trasporto internazionale (ad es. Trasporto bilaterale). In questo caso, la quarantena obbligatoria può essere revocata in qualsiasi momento, anche il giorno dopo l'inizio.
  • Quando è necessario effettuare un'operazione di trasporto nazionale (all'interno del territorio greco). In questo caso, il conducente deve trascorrere almeno 7 giorni in isolamento, a partire dal giorno in cui è entrato nel paese. A causa della settimana obbligatoria trascorsa in isolamento, le operazioni di cabotaggio non saranno possibili.
La misura si applica dal 2 aprile al 20 aprile.
In caso di violazione viene applicata un'ammenda di 5.000 EUR.

Lituania
Aggiornato al 04.04.20
 
Il governo ha esteso il periodo di quarantena nazionale fino al 13 aprile e ha reintrodotto restrizioni ai confini tra Polonia e Lettonia.
Con effetto dal 14 marzo, i cittadini stranieri non sono autorizzati ad entrare nel paese con alcun mezzo di trasporto.
Sono previste eccezioni per le persone che risiedono in Lituania e per le persone impiegate all'interno di società lituane impegnate nel trasporto commerciale internazionale di merci.
 
Le persone che rientrano o arrivano da paesi stranieri devono passare 14 giorni in isolamento, ad eccezione dell'equipaggio e dei membri dell'equipaggio che lavorano in aziende lituane impegnate nel trasporto commerciale internazionale, cittadini stranieri in transito attraverso la Lituania con scorta obbligatoria (convoglio) nello stato di residenza e coloro che non presentano alcun sintomo di COVID-19.
 
Per i membri dell'equipaggio che lavorano in compagnie lituane impegnate nel trasporto commerciale internazionale, l'isolamento è obbligatorio dal giorno di arrivo in Lituania fino al giorno di partenza, per una durata non superiore di 14 giorni. Presso i valichi di frontiera a tutti i conducenti sarà effettuato uno screening per rilevare eventuali sintomi di COVID-19.
I conducenti del trasporto internazionale sono tenuti a contrassegnare le fermate che hanno effettuato durante il viaggio, indicandone lo scopo e la durata.
 
Il numero di valichi di frontiera per entrare in Lituania è stato ridotto al seguente:
Kalvarijos – Budzisko, Saločių – Grenstalės, Būtingės – Rucavos, Smėlynės – Medumės, Medininkų– Kamenyj Logo, Raigardo – Privalkos, Kybartų – Černyševskojės, Panemunės – Sovetskoinkė , Aeroporti internazionali di Kaunas, Palanga, Šiauliai, stazione ferroviaria di Vilnius e valichi di frontiera ferroviaria di Stasylai e porto marittimo di Klaipeda.
L'ingresso di persone e / o loro autovetture in Lituania è consentito solo attraverso i seguenti valichi di frontiera internazionali: Kalvarija - Budziskas, Saločiai - Grenstalė.
Il passaggio di frontiera per il trasporto commerciale e / o internazionale di merci viene effettuato anche attraverso il valico di frontiera ferroviario Stasylai-Benekainiai e il valico di frontiera ferroviario Pagėgiai-Sovetsk. Il transito facilitato di persone dal territorio della Federazione Russa alla regione di Kaliningrad della Federazione Russa e ritorno al territorio della Federazione Russa deve inoltre passare attraverso il Posto di ispezione delle frontiere della ferrovia Kena e il Posto di ispezione delle frontiere ferroviarie di Kybartai.
 
A partire dal 4 aprile, è vietato trasportare passeggeri e loro autoveicoli con navi passeggeri e traghetti, ad eccezione del servizio di traghetto Kiel-Klaipeda-Kiel o con l'autorizzazione del ministro degli interni o il suo rappresentante autorizzato.
 
A partire dal 4 aprile sono vietati anche i voli passeggeri da e per gli aeroporti lituani, a meno che non siano autorizzati dall'amministrazione lituana per la sicurezza dei trasporti, previa approvazione dei ministeri per i trasporti e gli affari esteri.
 

 
Finlandia
Aggiornato al 04.04.20
 
Il parlamento finlandese ha approvato la proroga della scadenza delle misure attualmente in vigore. Tali misure rimarranno applicabili fino al 13 maggio 2020.
Il governo finlandese sta limitando il traffico alle frontiere esterne. Le operazioni di trasporto passeggeri in entrata sono state sospese, ad eccezione dei cittadini e dei residenti che rientrano in Finlandia. In questo caso, le persone che ritornano in Finlandia da un altro paese sono tenute in quarantena per 14 giorni. Si consiglia vivamente ai cittadini e ai residenti finlandesi di non viaggiare all'estero.
Attualmente sono in corso i preparativi per limitare il flusso di traffico attraverso i confini settentrionali e occidentali. La sorveglianza delle frontiere è stata aumentata e tutti i trasporti marittimi di passeggeri sono ora estremamente limitati. Il trasporto di merci è tuttavia esente da misure di restrizione nei porti finlandesi.
Tutte le attuali restrizioni nella regione di Uusimaa restano applicabili e in vigore fino al 19 aprile 2020.

Bielorussia
Aggiornamento al 06.04.20
 
Ai sensi del decreto n. 171 del Consiglio dei ministri della Repubblica di Bielorussia del 25 marzo 2020, tutti i conducenti che trasportano merci in transito attraverso la Bielorussia sono obbligati a utilizzare unicamente le strade nazionali approvate e a parcheggiare solamente nelle aree specificate per riposare, mangiare o fare rifornimento.
 
Di seguito riportiamo l'elenco delle aree di sosta autorizzate:
  • М-1 / Е30 Brest (Kozlovichi) - Minsk - confine della Federazione Russa (Redki), km 514 - stazione di rifornimento n. 59 “Belorusneft”
  • М-1 / Е30 Brest (Kozlovichi) - Minsk - confine della Federazione Russa (Redki), km 514 - stazione di rifornimento n. 60 “Belorusneft”
  • М-3 Minsk - Vitebsk, km 102 - stazione di rifornimento n. 18 “Belorusneft”
  • М-3 Minsk - Vitebsk, km 237 - stazione di rifornimento n. 72 “Belorusneft”
  • М-3 Minsk - Vitebsk, km 156 - stazione di rifornimento “LUKOIL Belorussia”
  • М-8 / Е-95 confine della Federazione Russa (Jezerische) - Vitebsk - Gomel - confine dell'Ucraina (Novaya Guta), km 73 - stazione di rifornimento n. 68 “Belorusneft”


Fonte informazioni: iru.org


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy