News

Pubblicazione: 23/03/2020

Di seguito il consueto aggiornamento di Infogestweb-Golia in merito alla situazione europea attualmente in essere riguardo le frontiere e le deroghe sui tempi di guida e riposo.
 
Per facilitarne la consultazione, tutte le informazioni sono state suddivise per Stato di competenza.
 
Albania
Aggiornato il 22/03/20
 
Dalle 23.59 del 22/03, si applica quanto segue:
L'aeroporto di Tirana sospende tutti i voli da e per Germania, Svizzera, Austria e Ungheria. Viene mantenuto un collegamento molto limitato con Istanbul in Turchia.
Lo spostamento delle persone al di fuori della propria abitazione è strettamente limitato dalle ore 05:00 alle 13:00. Le persone possono lasciare la propria abitazione solo per interessi professionali e per l'acquisto di beni o forniture mediche. Dalle 13.00 alle 05.00 del giorno successivo, solo il personale autorizzato può lasciare la propria abitazione .
Il trasporto internazionale e nazionale di passeggeri è vietato.
Il trasporto di merci e forniture mediche è consentito.

Austria
Aggiornato il 20/03/20
 
Restrizioni
L'Austria ha reintrodotto controlli temporanei alle frontiere con l'Italia. La temperatura corporea dei conducenti e le loro attività recenti sono sistematicamente controllate (misura valida per i prossimi 10 giorni).
L'Austria proibisce anche il trasporto ferroviario di passeggeri dall'Italia (valido fino al 3 aprile). 
Questa misura non si applica al trasporto di merci.
 
Concessioni
In tutta l'Austria, il divieto di circolazione nei fine settimana per veicoli pesanti di peso superiore a 7,5 tonnellate sarà sospeso fino al 3 aprile 2020 con effetto immediato. Questa misura è stata discussa e coordinata con l'Italia e la Baviera al fine di evitare il più possibile i tempi di attesa alle frontiere.
 
Anche i divieti di circolazione per camion di oltre 7,5 tonnellate ai valichi di frontiera di Klingenbach e Deutschkreutz (Burgenland) sono stati revocati per alleviare la pressione dal confine di Nickelsdorf (fra Austria, Slovacchia e Ungheria).
 
Al confine tra Austria e Ungheria:
  • Valichi di frontiera destinati al traffico merci internazionale in partenza o in arrivo in Ungheria:
    • Hegyeshalom / Nickelsdorf
    • Sopron / Klingenbach (veicoli in transito oltre i 7,5 t consentiti fino alle 05:00 del 20 marzo).
    • Kópháza / Deutschkreutz (veicoli in transito oltre i 7,5 t consentiti fino alle 05:00 del 20 marzo; veicoli oltre i 7,5 t con targhe austriache o ungheresi consentiti fino alle 00:00 del 23 marzo).
    • Rábafüzes / Heiligenkreuz
  • Valichi di frontiera che saranno utilizzati dal trasporto merci bilaterale AT-HUN (oltre ai tre sopra menzionati):
    • Bucsu / Schachendorf
    • Koszeg / Rattersdorf
    • Rábafüzes / Heiligenkreuz
 
Inoltre, il governo ha annunciato una temporanea tolleranza sull'applicazione dei tempi di guida e di riposo per i conducenti al fine di eliminare i colli di bottiglia causati dall'attuale crisi. 
Le misure revocate sono quelle previste dagli articoli da 6 a 9 del Regolamento UE n. 561/2006. Questa eccezione si applica dal 16 marzo 2020 al 14 aprile 2020
Le misure revocate sono le seguenti:
  • Art. 6 (1): sostituzione del limite massimo di guida giornaliera di 9 ore con una di 11 ore;
  • Art. 6 (2): sostituzione del limite di guida settimanale massimo di 56 ore con uno di 60 ore;
  • Art. 6 (3): sostituzione del limite massimo di guida quindicinale di 90 ore con uno di 100 ore;
  • Art. 7: sostituzione dei requisiti minimi di interruzione giornaliera imponendo una pausa di 45 minuti dopo 5 ore e mezza;
  • Art. 8 (2): riduzione del fabbisogno giornaliero di riposo da 11 a 9 ore;
  • Art. 8 (6): periodo di riposo settimanale di almeno 24 ore dopo al massimo sei periodi di 24 ore.

Repubblica Ceca
Aggiornato il 22/03/20
 
Restrizioni
Il governo ha annunciato uno "stato di emergenza" con una serie di divieti e limitazioni, tra cui (a partire dal 14/03 alle 00:00 h):
  • Agli stranieri provenienti da paesi ad alto rischio (a meno che non siano residenti permanenti) è temporaneamente vietato l'ingresso nel territorio nazionale. I paesi ad alto rischio sono: Italia, Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Norvegia, Danimarca, Paesi Bassi, Svezia, Regno Unito, Belgio, Austria, Cina e Corea del Sud,
  • Divieto ai cittadini cechi e ai residenti permanenti stranieri di recarsi in paesi ad alto rischio,
  • Il trasporto internazionale di passeggeri in autobus viene interrotto dal 14 marzo alle 00:00
  • Il trasporto internazionale di merci è esente dalla restrizione. Tuttavia, resteranno aperti solo i principali valichi di frontiera con l'Austria (Dolní Dvořiště, České Velenice, Hatě Mikulov) e la Germania (Strážný, Pomezí n.O., Rozvadov, Folmava, Žel. Ruda, Krásný Les, H.Sv. Šebestiána).
Concessioni
Concessa un'esenzione generale dalle restrizioni alla guida su autostrade e strade di classe I per camion e veicoli combinati con MPW di oltre 7,5 tonnellate e camion e veicoli speciali con rimorchi, se l’MPW del il veicolo a motore supera le 3,5 tonnellate. L'esenzione è valida dalle 15:00 del 13 marzo 2020 per il periodo in cui lo stato di emergenza è in vigore, ma non più di un anno.
Inoltre, il governo ha annunciato una tolleranza temporanea per quanto riguarda l'applicazione dei tempi di guida e di riposo per i conducenti coinvolti in tutti i trasporti di merci su tutto il territorio ceco. Le misure revocate sono quelle di cui agli articoli da 6 a 9 del Regolamento UE n. 561/2006. Questa eccezione si applica dal 16/03/2020 alle 00:00 per un periodo di 30 giorni.
Il 22 marzo è stata segnalata una situazione critica alle frontiere CZ / SK a causa dei conducenti che utilizzavano la corsia di destra per effettuare la pusa di 45 minuti bloccando l'accesso al valico di frontiera. Ai conducenti viene chiesto di effettuare l’attività di riposo altrove o di rimandarla.

Danimarca
Aggiornato il 22/03/20
 
Restrizioni
Fino al 13 aprile compreso i confini danesi saranno chiusi, ma il trasporto di merci sarà ancora consentito
Tutti i canali di trasporto merci su strada, via mare, su rotaia e su ferrovia saranno tenuti aperti senza alcun controllo diverso dai normali controlli doganali / passaporti su base casuale. 
Tuttavia, il trasporto internazionale di merci (compreso il transito) su strada dovrebbe essere effettuato attraverso i seguenti valichi di frontiera: Frøslev, Sæd o Kruså. Si noti che il valico di frontiera di Kruså non è accessibile per veicoli superiori a 3,5 tonnellate. Si consiglia ai camion di utilizzare il valico di frontiera Frøslev (E45). I valichi di frontiera a Padborg e altri valichi di frontiera più piccoli sono chiusi. Le operazioni di trasporto merci possono anche essere gestite attraverso il "bordo blu" (Øresundbridge e traghetti).
 
Concessioni
Le deroghe ai periodi di riposo settimanali sono state prorogate fino all'11 aprile (incluso), ma sono valide esclusivamente per il trasporto nazionale

Francia
Aggiornato il 22/03/20
 
Restrizioni
Dal 17 marzo alle 12:00 e per 15 giorni, sono entrate in vigore nuove misure per limitare le attività e le riunioni pubbliche al fine di limitare l'effetto della pandemia di coronavirus (COVID-19). È stato dichiarato un blocco nazionale. Le persone sono autorizzate a uscire solo in caso di emergenza, per comprare cibo o per lavoro (un documento scritto deve giustificare qualsiasi movimento). Il trasporto di merci è esente dalle restrizioni inerenti agli spostamenti.
 
Si è creata confusione sul fatto che per i conducenti non francesi sia richiesto anche un certificato che giustifichi gli spostamenti a fini professionali (giustificazione del trasferimento professionale). In attesa di conferma ufficiale, si raccomanda a tutti i conducenti di portare con sé tale certificato per evitare inutili sanzioni.
Solo le frontiere dello spazio Schengen saranno chiuse per i prossimi 30 giorni (frontiere esterne dell'Unione Europea e NON quelle interne fra gli Stati dell'Unione).
 
Il 20 marzo 2020 il governo francese ha pubblicato una serie di requisiti aggiuntivi per il trasporto di passeggeri in autobus, pullman e taxi e il trasporto di merci su strada:
 
Autobus e pullman
  • I veicoli devono essere disinfettati una volta al giorno.
  • La porta anteriore dei veicoli a più porte non può più essere utilizzata dai passeggeri, a meno che il conducente non sia completamente protetto da una barriera trasparente.
  • Distanza di sicurezza segnalata sul veicolo.
  • Sospensione della vendita a bordo di biglietti.
 
Taxi
  • I passeggeri non possono più sedersi accanto al conducente.
  • Il conducente può rifiutare i passeggeri con sintomi visibili del virus COVID-19.
 
Trasporto di merci su strada
(le condizioni si applicano ai conducenti e al personale nei punti di carico e scarico)
  • Deve essere rispettata la distanza di sicurezza.
  • In assenza di accesso all'acqua, deve essere disponibile un gel disinfettante.
  • Nessun contatto personale è consentito al momento della firma dei contratti.
  • Le merci possono essere consegnate solo nel luogo indicato sul documento di trasporto.
  • La consegna a domicilio è possibile solo lasciando la merce alla porta. Non è consentito alcun contatto fisico con il cliente.
 
Concessioni
 
Il 20 marzo 2020 è stato pubblicato un decreto che revoca i divieti di circolazione nel fine settimana per i veicoli pesanti fino al 20 aprile 2020. 
 
E’ autorizzata la presenza di due conducenti in cabina purché sia ​​rispettata la distanza minima di 1 metro.
 
I tempi di guida giornalieri sono estesi a 10 ore al giorno. I conducenti possono anche scegliere di guidare per 11 ore al giorno per un massimo di due giorni durante la settimana
Estensione dei tempi di guida settimanali a 60 ore settimanali e 102 ore per due settimane consecutive, a condizione che tali estensioni rispettino le disposizioni di legge sui tempi di guida e di riposo applicabili ai conducenti.

Germania
Aggiornato il 20/03/20
 
Restrizioni
Dal 16 marzo alle 08:00, la Germania ha reintrodotto i controlli temporanei alle frontiere con Austria, Svizzera, Francia, Lussemburgo e Danimarca. L'accesso a questi confini deve essere effettuato tramite valichi di frontiera dedicati. 
I seguenti gruppi di persone possono continuare ad entrare nel territorio tedesco attraverso i confini con Austria, Svizzera, Francia, Lussemburgo e Danimarca:
  • persone di nazionalità tedesca.
  • persone con permesso di soggiorno tedesco.
  • persone con residenza in Germania.
  • pendolari professionisti, indipendentemente dalla loro nazionalità - deve essere fornita la prova dello stato di pendolarismo (è richiesto un modello specifico di attestazione). Anche lavoratori stagionali, parlamentari dell'UE e diplomatici accreditati possono entrare nel paese.
  • persone che hanno motivi urgenti per l'ingresso - devono essere fornite prove di motivi urgenti.
  • La polizia federale prende decisioni individuali a propria discrezione.
 
La circolazione transfrontaliera delle merci rimane garantita
Ai seguenti gruppi di persone verrà negato l'ingresso nel territorio tedesco attraverso i confini con Austria, Svizzera, Francia, Lussemburgo e Danimarca:
  • persone che non appartengono a nessuno dei gruppi sopra menzionati autorizzati ad entrare nel territorio tedesco.
  • persone che presentano sintomi di malattia - in questi casi l'autorità sanitaria competente sarà immediatamente consultata.
 
Situazione nelle aree di sosta e di servizio sulle autostrade tedesche:
  • Nelle aree di sosta e di servizio gestite dal gruppo TANK & RAST, è garantito l'uso delle strutture sanitarie SANIFAIR gratuitamente dal 17.03.2020, con l'obiettivo di garantire ai conducenti la cura dell'igiene delle mani. L'accesso gratuito alle strutture sanitarie SANIFAIR è garantito tramite "l'ingresso dei bambini" e sarà esplicitamente segnalato. Il gruppo TANK & RAST gestisce 330 aree di sosta e di servizio sulle autostrade tedesche e i conducenti dovrebbero cercare il simbolo TANK & RAST.
  • TANK & RAST ha anche annunciato che manterranno aperti non solo le stazioni di servizio, ma anche i negozi annessi (prodotti da forno, snack, vendita al dettaglio) in tutte le aree di sosta e di servizio da loro gestite.
  • BGL è in contatto con tutti i restanti fornitori di aree di sosta e di servizio autostradali per garantire servizi continui e accesso a strutture sanitarie con orari di apertura adeguati per tutte le aree di sosta e di servizio tedesche sulle autostrade. 
 
Concessioni
Il governo federale tedesco ha chiesto ai Länder di sospendere i divieti di circolazione dei camion durante il fine settimana per alleviare la situazione durante la crisi. 
Inoltre, è stata stabilita una tolleranza temporanea delle norme sui tempi di guida e di riposo basate sull'articolo 14.2 del Regolamento CE 561/2006. La misura si applica al trasporto su strada di beni di prima necessità, compresi cibo, attrezzature mediche e carburante, ed è valida fino al 17 aprile, incluso. Le misure revocate sono le seguenti:
  • Possibilità di prolungare il tempo di guida a 10 ore cinque volte a settimana.
  • Possibilità di prendere due pause settimanali ridotte consecutive entro un periodo di quattro settimane.
La misura si applica al trasporto professionale e per conto proprio. 

Ungheria
Aggiornato il 21/03/20
 
L'Ungheria ha chiuso le sue frontiere interne ed esterne per le operazioni di trasporto passeggeri a partire dalle 00:00 del 17 marzo. I cittadini ungheresi e i parenti stretti che viaggiano con loro (compresi quelli non residenti in Ungheria) potranno comunque entrare nel Paese.
MKFE e il governo ungherese stanno facendo tutto il possibile per garantire operazioni di trasporto merci transfrontaliere continue e senza ostacoli.

Lettonia
Aggiornato il 21/03/20
 
Dal 17 marzo, nessun trasporto di passeggeri sarà consentito attraverso aeroporti, porti, autobus e ferrovia (escluso il trasporto di passeggeri con aeromobili ufficiali e trasporto militare). Il Ministero dei Trasporti può fare eccezioni per alcuni servizi passeggeri internazionali previsti caso per caso.
Il trasporto di merci è consentito. Tuttavia, dal 18 marzo 2020, le persone che entrano in Lettonia dovranno compilare i seguenti moduli e presentarli al servizio di frontiera statale:
  • Modulo per tutti i vettori merci (compresi gli stranieri che transitano attraverso la Lettonia), tramite il quale la persona "si impegna a non visitare spazi disponibili al pubblico". Queste misure non riguardano parcheggi e stazioni di rifornimento.
  • Modulo per cittadini lettoni e persone che risiedono permanentemente in Lettonia (titolari di permessi di soggiorno permanenti / temporanei e visti "D" a lungo termine, a condizione che siano stati rilasciati nella Repubblica di Lettonia).
  • Modulo per cittadini e residenti lituani ed estoni (titolari di permessi di soggiorno permanenti / temporanei e visti "D" a lungo termine, a condizione che siano stati rilasciati in Lituania o Estonia), di ritorno in Lituania o Estonia.
Firmando il modulo, la persona "si impegna a non visitare spazi disponibili al pubblico". Queste misure non riguardano parcheggi e stazioni di rifornimento.
 

Lituania
Aggiornato il 20/03/20
 
Dal 16 marzo quarantena nazionale di due settimane fino al 31 marzo.
Sono state reintrodotte restrizioni ai confini tra Polonia e Lettonia. 
Dal 14 marzo, i cittadini stranieri non sono autorizzati ad entrare nel paese con alcun mezzo di trasporto. Sono previste eccezioni per le persone che risiedono nella Repubblica di Lituania e per le persone impiegate all'interno di società lituane e impegnate nel trasporto commerciale internazionale di merci con qualsiasi mezzo di trasporto.
E’ consentito l’accesso a vettori stranieri con veicoli merci in transito attraverso la Lituania.
Il numero di valichi di frontiera per entrare in Lituania è stato ridotto al seguente:
Kalvarijos – Budzisko, Saločių – Grenstalės, Būtingės – Rucavos, Smėlynės – Medumės, Medininkų– Kamenyj Logo, Raigardo – Privalkos, Kybartų – Černyševskojės, Panemunės – Sovetskoinkė , Aeroporti internazionali di Kaunas, Palanga, Šiauliai, stazione ferroviaria di Vilnius e valichi di frontiera ferroviaria di Stasylai e porto marittimo di Klaipeda.
Il valico di frontiera per il trasporto commerciale e / o internazionale di merci viene inoltre effettuato attraverso il valico di frontiera ferroviario Stasylai-Benekainiai e il valico di frontiera ferroviario Pagėgiai-Sovetsk e facilita il transito di persone dal territorio della Federazione Russa alla regione di Kaliningrad in Russia. La Federazione e il ritorno nel territorio della Federazione Russa devono inoltre passare attraverso il Posto di ispezione delle frontiere ferroviarie di Kena e il Posto di ispezione delle frontiere ferroviarie di Kybartai.
Il numero di passeggeri locali su autobus e treni interurbani è limitato per mantenere la distanza necessaria tra i passeggeri.

Lussemburgo
Aggiornato il 22/03/20
 
Restrizioni
Dichiarato stato di emergenza per 3 mesi. Non ci sono restrizioni per il trasporto di mercima potrebbero esserci brevi tempi di attesa alle frontiere.
 
Il Ministero della mobilità ha messo a punto nuove misure per il trasporto passeggeri con autobus. Le misure si applicano immediatamente e fino a nuovo avviso e prevedono quanto segue:
  • La porta principale dei veicoli a più porte non può più essere utilizzata dai passeggeri
  • La prima fila di sedili passeggeri non deve essere occupata. Si richiede al conducente di applicare nastro barriera o simili
  • L'autista non vende più biglietti 
  • La distanza di sicurezza deve essere visibile sul veicolo
 
Concessioni
Tolleranza temporanea e limitata dell'applicazione dei tempi di guida e di riposo per i conducenti coinvolti nella consegna nazionale e internazionale delle merci, concessa ai sensi dell'articolo 14, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 561/2006, in vigore dal 19 marzo al 17 aprile 2020:
  • Deroga all'articolo 6, paragrafo 2: sostituzione del limite di guida settimanale massimo di 56 ore con una di 60 ore.
  • Deroga all'articolo 6, paragrafo 3: sostituzione del limite massimo di guida quindicinale di 90 ore con una di 96 ore.
  • Deroga all'articolo 8, paragrafo 6: rinvio di un periodo di riposo settimanale oltre i 6 periodi di 24 ​​ore.

Romania
Aggiornato il 22/03/2020
 
Restrizioni
Il 22 marzo il ministero degli Affari interni rumeno ha adottato ulteriori misure:
  1. Le attività al dettaglio, i prodotti e i servizi sono temporaneamente sospesi nei centri commerciali in cui operano diversi operatori economici, ad eccezione della vendita di prodotti alimentari, veterinari o farmaceutici e dei servizi di pulizia.
  2. Raccomandazioni che entrano in vigore il 22 marzo 2020 alle 22.00 (ora locale) per la circolazione delle persone tra le 06.00 e le 22.00:
    • il movimento di persone al di fuori della casa dovrebbe essere effettuato solo per i seguenti motivi:
      • viaggiare per motivi di lavoro, compreso lo spostamento tra casa e luogo di lavoro, quando l'attività professionale è essenziale e non può essere posticipata o eseguita a distanza;
      • viaggiare per la fornitura di beni che coprono le esigenze di base delle persone e dei loro animali domestici, nonché i beni necessari per l'attività lavorativa;
      • viaggiare per assistenza sanitaria che non può essere posticipata o eseguita a distanza;
      • lo spostamento per motivi giustificati, come la cura / accompagnamento del minore, l'assistenza di anziani, malati o disabili o la morte di un familiare;
      • viaggi brevi, vicino all'abitazione, legati all'attività fisica individuale delle persone e ai bisogni dei loro animali domestici.
  3. Tra le 22:00 e le 06:00 è consentito il movimento di persone al di fuori della propria abitazione solo presentando, su richiesta delle autorità competenti, un certificato rilasciato dal datore di lavoro o una dichiarazione di propria responsabilità. La dichiarazione sotto la propria responsabilità deve includere nome e cognome, data di nascita, indirizzo del luogo di residenza / luogo di lavoro e motivo del viaggio. La misura sarà applicata dal 23 marzo 2020 alle 22:00 (ora locale).
  4. I cittadini stranieri non possono entrare nel territorio rumeno se non transitano attraverso i corridoi designati, il cui elenco sarà condiviso non appena sarà disponibile. Le seguenti categorie sono esentate da tale disposizione:
    • familiari di cittadini rumeni;
    • familiari di cittadini di altri Stati membri dell'UE, dello Spazio economico europeo o della Confederazione svizzera, residenti in Romania;
    • cittadini titolari di un visto per soggiorno di lunga durata, di un permesso di soggiorno o di un documento equivalente al permesso di soggiorno rilasciato dalle autorità rumene o di un documento equivalente rilasciato dalle autorità di altri Stati, secondo la legge dell'Unione europea;
    • persone che viaggiano nell'interesse professionale, comprovate da visto, permesso di soggiorno o altri documenti equivalenti;
    • personale diplomatico o consolare, personale di organizzazioni internazionali, personale militare o personale che può fornire aiuti umanitari;
    • passeggeri in transito, compresi quelli rimpatriati a seguito della concessione della protezione consolare;
    • passeggeri che viaggiano per motivi imperativi (medici o familiari);
    • persone che necessitano di protezione internazionale o per altri motivi umanitari.
Eccezioni:
  • trasporto nazionale di merci e passeggeri,
  • trasporto internazionale di merci su strada,
  • I conducenti di veicoli commerciali oltre le 2.4t che arrivano o hanno attraversato "aree rosse" o "aree gialle" non sono soggetti a misure di quarantena o di isolamento se al valico di frontiera non mostrano sintomi associati all'infezione da coronavirus SARS-CoV -2. Tutte le persone che entrano in Romania dovranno compilare un modulo. I modelli di questi moduli sono disponibili in rumeno e inglese.
  • I conducenti di veicoli commerciali di peso superiore a 2,4 t sono obbligati, ai valichi di frontiera, a ad avere con se o indossare mezzi di protezione personali come disinfettanti, guanti, maschere per il viso e documenti correnti attestanti il ​​percorso di viaggio verso la destinazione.
 
Sono stati chiusi i seguenti valichi di frontiera:
  • Valichi di frontiera con l'Ungheria: Turnu, Săcuieni, Salonta e Valea lui Mihai.
  • Valico di frontiera con l'Ucraina: Sighet.
  • Valichi di frontiera con la Bulgaria: Negru Vodă, Lipniţa, Dobromir, Zimnicea, Turnu Măgurele e Bechet.
  • Valichi di frontiera con la Moldavia: Rădăuţi, Prut e Oancea.
  • Giovedì 12 marzo 2020, le autorità serbe hanno chiuso unilateralmente i seguenti valichi di frontiera con la Romania: Porţile de Fier 2, Moldova Nouă, Foieni, Lunga, Vâlcani, Drobeta Turnu Severin e Naidăş.
 
Concessioni
Le autorità rumene hanno introdotto una temporanea tolleranza nell'applicazione dei tempi di guida e di riposo per i conducenti che effettuano il trasporto di merci su strada nazionale / internazionale.
Questa tolleranza è concessa ai sensi dell'articolo 14, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 561/2006 e si applica dal 18.03.2020 al 16.04.2020. Le misure revocate sono le seguenti:
  • Art. 6: sostituzione del limite massimo di guida giornaliera da 9 ore a 11 ore.
  • Art. 7: sostituzione dei requisiti minimi di interruzione giornaliera imponendo una pausa di 45 minuti dopo 5 ore e mezza di guida.
  • Art. 8 riduzione del fabbisogno giornaliero di riposo da 11 a 9 ore.
  • Art. 8: rinvio di un periodo di riposo settimanale oltre i sei periodi di 24 ore.

Spagna
Aggiornato il 22/03/2020
 
Restrizioni
Il presidente del governo spagnolo ha annunciato il 22 marzo che chiederà al Parlamento di prorogare lo stato di emergenza fino all'11 aprile. Lo stato di emergenza significa che tutte le persone rimarranno nelle loro case, lasciandole solo per l'essenziale.
Il trasporto di merci continua ad essere esente da tali restrizioni, attualmente autorizzato a trasportare qualsiasi tipo di merce, sia con trasporto nazionale che internazionale. Tuttavia, il decreto reale 463/2020 pubblicato il 14/3 mira a vietare il traffico su alcune rotte nazionali. 
I seguenti veicoli sono esentati dalla disposizione:
  •  Veicoli per assistenza stradale e manutenzione stradale
  •  Veicoli che distribuiscono forniture mediche, alimentari e di carburante
  •  Veicoli che raccolgono rifiuti solidi
  •  Veicoli che trasportano bovini vivi e merci deperibili (ATP)
Inoltre, per il titolare di una patente di guida straniera (valida per la guida in Spagna) che attende la conversione in patente spagnola entro 6 mesi, tale limite di tempo è sospeso e può guidare sul territorio spagnolo.
Oltre alle misure di cui sopra, il governo spagnolo ha annunciato che, dal 17 marzo alle 00:00, i confini sono chiusi per la circolazione delle persone. Sono esenti cittadini spagnoli, residenti spagnoli, pendolari transfrontalieri e chiunque giustifichi un caso di forza maggiore. 
 
Concessioni
Il 17 marzo è stata concessa tolleranza temporanea per quanto riguarda l'applicazione delle norme sui tempi di guida e di riposo per i conducenti ai sensi del Regolamento CE 561/2006 per tutto il territorio nazionale della Spagna. 
Le misure derogate sono quelle sull'art. 6.1 e 8.6 (tempi di guida giornalieri e riposo settimanale).
 
In tutti i casi, la deroga non si applica agli itinerari obbligatori per merci pericolose.
Le seguenti restrizioni sono sospese per l'intera durata dello stato di emergenza:
  •  Divieti di circolazione settimanali per veicoli di peso superiore a 7,5 tonnellate.
  •  Divieti di fine settimana e festivi per veicoli ADR.
  •  Divieti settimanali, festivi e di fine settimana per trasporti eccezionali.
  •  Tutti i divieti di circolazione per i veicoli di trasporto in Catalogna e nei Paesi Baschi.
 
Si applicano le seguenti deroghe:
  • Le licenze, i permessi e le eventuali autorizzazioni di guida in scadenza durante lo stato di emergenza vengono automaticamente prorogate fino a 70 giorni dopo la fine dello stato di emergenza.
  • La validità delle autorizzazioni temporanee alla circolazione è prorogata fino a 60 giorni dopo la fine dello stato di emergenza.

Regno Unito
Aggiornato il 22/03/2020
 
Restrizioni
Il 17 marzo, il governo ha adottato nuove misure, tra cui il provvedimento rivolto ai cittadini britannici che impedisce tutti i viaggi internazionali non essenziali.
Il provvedimento per la limitazione dei viaggi non essenziali non si applica al trasporto internazionale e nazionale di merci.
 
Concessioni
Il Dipartimento per le infrastrutture (DfI) ha emesso una notifica di una  deroga alle norme sugli orari dei conducenti per l'Irlanda del Nord. Questa deroga temporanea si applica da mercoledì 18 marzo 2020 e durerà fino alle 23:59 di giovedì 16 aprile 2020.Questo vale per i conducenti di veicoli coinvolti nella consegna di cibo, non alimentari (cura personale e carta per uso domestico e pulizia) e prodotti farmaceutici da banco durante i seguenti viaggi:
  • Centro di distribuzione ai negozi (o centro di evasione ordini).
  • Dal produttore o fornitore al centro di distribuzione (comprese le le tratte di ritorno a veicolo scarico).
  • Dal produttore o fornitore al negozio (o centro di evasione ordini).
  • Tra centri di distribuzione e canali di trasporto.
  • Consegna degli hub di trasporto ai negozi.
Questa esenzione non si applica ai conducenti che effettuano consegne direttamente ai consumatori.
 
Il 22 marzo, il Dipartimento per i trasporti (DfT) ha anche introdotto una deroga temporanea e limitata dell'applicazione delle norme dell'UE in materia di ore di guida in Inghilterra, Scozia e Galles.
Ciò vale per coloro che effettuano il trasporto di merci su strada in tutti i settori, tra le 00.01 di lunedì 23 marzo e le 23.59 di martedì 21 aprile (la continuazione della deroga oltre il 5 aprile potrebbe essere soggetta a modifiche).
Le regole sulle ore dei conducenti possono essere temporaneamente applicate come segue:
a) Estensione del limite di guida giornaliero da 9 ore a 11 ore.
b) Riduzione del fabbisogno giornaliero di riposo da 11 a 9 ore.
c) Incremento dei limiti di guida settimanali (56 ore) e bisettimanali (90 ore) rispettivamente a 60 e 96 ore.
d) Estensione del requisito di inizio di un periodo di riposo settimanale dopo sei periodi di 24 ​​ore, fino a sette periodi di 24 ore; sebbene entro due settimane saranno comunque necessari due periodi di riposo settimanali regolari o un periodo di riposo settimanale regolare e uno ridotto.
e) La pausa di 45 minuti entro 4,5 ore di guida viene sostituita con una pausa di 45 minuti entro 5,5 ore di guida.
 
Non è possibile usufruire contemporaneamente delle deroghe di cui al punto a e al punto b di cui sopra (non si può guidare 11 ore e riposare 9 ore).
 
Oltre a queste misure, da lunedì 23 marzo tutti i sistemi di tariffazione degli utenti su strade urbane nella capitale saranno temporaneamente sospesi fino a nuovo avviso. Ciò include la Congestion Charge, la ULEZ centrale di Londra e la LEZ di Londra.

Fonte informazioni: iru.org


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy