News

Il 4 luglio 2018 la sessione plenaria del Parlamento Europeo ha rimandato il testo del primo Pacchetto Mobilità, con le modifiche alle regole su tempi di guida, al cabotaggio stradale e al distacco-transnazionale, alla Commissione Trasporti affinché le riscriva.
 
Il testo torna quindi nelle mani della Commissione, che dovrà formulare una nuova proposta in grado di conciliare le diverse posizioni. La versione licenziata a giugno aveva infatti suscitato l'opposizione dei sindacati (sulle nuove regole sui tempi di guida e di riposo) e delle imprese dell'Est (sulle modifiche al distacco trans-nazionale degli autisti) e di quelle dell'Ovest (sui cambiamenti al cabotaggio stradale).
 
Di seguito il testo del comunicato stampa diffuso dall’Ufficio Stampa del Parlamento Europeo.
 
I deputati hanno respinto gli emendamenti alle proposte di riforma del settore del trasporto su strada e li hanno rinviati alla commissione per i trasporti per un riesame.
 
In una votazione di mercoledì, i deputati hanno respinto gli emendamenti alle tre proposte, sull'aggiornamento delle norme relative ai periodi di riposo dei conducenti, al cabotaggio e al distacco dei conducenti e alla lotta alle pratiche illegali e li hanno rinviati alla commissione per un ulteriore esame, ai sensi dell'articolo 59, paragrafo 4, del regolamento del Parlamento.
 
Le proposte relative al distacco dei conducenti, ai periodi di riposo dei conducenti e all'accesso alla professione di trasportatore su strada e al mercato del trasporto di merci su strada fanno parte del "pacchetto mobilità" presentato dalla Commissione europea nel maggio 2017.
 
Risultati delle votazioni
 
Norme sul distacco dei conducenti, 286 a favore, 390 contrari e 9 astensioni.
Norme su orari di lavoro e periodi di riposo, 229 a favore, 422 contrari e 30 astensioni.
Norme sulla lotta alle società fittizie e pratiche illegali nei trasporti: 103 a favore, 551 contrari e 29 astensioni.
 


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy