Normative

L’articolo affronta un tema sentito e delicato che riguarda la guida in stato di ebbrezza dei conducenti professionali. Un fenomeno che da un lato vede l’inasprimento di controlli e sanzioni verso gli autotrasportatori che spesso giudicano eccessive le scelte legislative, dall’altro vi è una severità normativa motivata dal tentativo di arginare comportamenti pericolosi e dannosi per gli utenti della strada, a maggior ragione se si è alla guida di mezzi pesanti o pullman dove le responsabilità a proprio carico sono ancor più grandi in quanto si possono provocare danni enormi e irreparabili.
 
Ma entriamo nel vivo dell’argomento. Per gli autisti professionali e operatori di trasporto vige il divieto assoluto di assumere sostanze alcoliche prima di mettersi “al volante”. Qualora i controlli effettuati dalle forze di polizia rivelino l'assunzione di alcol, le sanzioni cui si incorre sono di diversa natura e gravità a seconda del tasso alcolemico accertato.
 
Se viene rilevato un tasso alcolemico superiore a 0,00 g/l, ma non superiore a 0,5 g/l  e sempre che non sia stato provocato alcun incidente, si va incontro ad una sanzione di tipo amministrativo con ammenda da 164 euro a 663 euro e 5 punti decurtati sulla patente. 
Se il tasso alcolemico accertato è tra 0,5 g/l e 0,8 g/l si ha una sanzione amministrativa con ammenda da 797 euro a 3186 euro, punti decurtati 10 che diventano 20 per i neopatentati. Inoltre si avrà il ritiro della patente e sospensione da 4 a 8 mesi. Il veicolo dovrà essere condotto da persona idonea o, in mancanza, deve essere trasportato fino al luogo indicato dall’interessato o alla più vicina autorimessa e lasciato in custodia al proprietario o gestore della medesima.
Se il tasso è nel range tra 0,8 g/l e 1,5 la natura della sanzione diventa penale con arresto fino a 9 mesi e ammenda da 1.066 euro fino a 4.800, punti decurtati 10 (sempre 20 per i neopatentati). La sanzione accessoria comporta la sospensione della patente di guida da otto a diciotto mesi e il ritiro della stessa. Inoltre vale il principio precedente riguardo la necessità della conduzione del veicolo da parte di persona idonea. 
Se viene accertato un valore alcolemico superiore a 1,5 g/l l’ammenda può essere compresa tra 2000 euro a 9000 euro, è inoltre previsto l’arresto per un periodo che va da otto a diciotto mesi. Con tali valori la patente viene revocata e per riottenerla è necessario rifare l’esame conseguendone una nuova. Per acquisire nuovamente la patente C o D, bisogna prima ottenere la patente B. Inoltre il conducente sarà considerato neopatentato a tutti gli effetti, dunque dovrà rispettare i limiti di velocità e di potenza e in caso di infrazioni gli verrà decurtato il doppio dei punti rispetto agli altri conducenti. A queste sanzioni si aggiunge il sequestro del veicolo finalizzato alla confisca sempre che il veicolo non appartenga a persona estranea al reato.
Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale, le sanzioni sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per 180 giorni, salvo che questo appartenga a persona estranea al reato.
 
Il legislatore ha voluto inoltre inasprire le sanzioni a carico degli autotrasportatori/autisti, spingendosi fino ad estenderne i limiti al licenziamento per giusta causa. Con la Legge n. 120 del 29 luglio 2010, è stata prevista la possibilità di considerare giusta causa di licenziamento la revoca della patente al dipendente conducente di veicoli adibiti al trasporto di cose e/o persone per guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro.
 
I controlli su strada vengono effettuati dalle forze di polizia attraverso strumenti di misurazione portatili che misurano la quantità di alcol contenuta nell'aria respirata. Qualora vi sia fondato motivo, le prove saranno più di una a distanza di cinque minuti e verrà rilasciata prova cartacea della misurazione.
 
Alla luce di tutte queste considerazioni il consiglio è quello di fare un uso responsabile  e cosciente dell’alcol, in particolare gli autotrasportatori devono controllare che il loro tasso alcolemico ritorni a zero prima di mettersi alla guida, magari ricorrendo ad un etilometro professionale per verificare il proprio stato.
 
In allegato una tabella di sintesi che evidenzia le sanzioni previste per guida in stato di abbrezza accertata.


Allegati
N Descrizione File Download
1
837_Tabella sanzionatoria per guida in stato di ebbrezza Autotrasportatori.pdf Download
 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy