News

Pubblicazione: 03/02/2020

Dal 1° marzo 2020 entreranno in vigore nuove regole sul distacco temporaneo del personale estero nei Paesi Bassi che prevederanno l’attuazione di una procedura online per l’invio di informazioni dettagliate; tali norme coinvolgeranno inevitabilmente anche le aziende di autotrasporto che inviano autisti.
Le società che disporranno di personale distaccato dovranno informare le autorità olandesi, Inspectorate SZW, Sociale Verzekeringsbank (SVB) e Dutch Tax and Customs Administration, tramite l’apposito sito web postedworkers.nl.
 
Dal 1° febbraio è diventato possibile procede con l’invio di dichiarazioni di distacco volontarie, ma dal 1° marzo tale procedura diventerà a tutti gli effetti obbligatoria. A partire da tale data, infatti, le aziende che impiegheranno personale nei Paesi Bassi senza averlo dichiarato, o con dichiarazione in ritardo, subiranno sanzioni fino a 12mila euro (la regola vale anche per i liberi professionisti).
 
Oltre alla dichiarazione telematica, le società dovranno presentare documentazione sul rapporto di lavoro del personale (contratti di lavoro, dichiarazioni sulle retribuzioni e certificati) e dovranno nominare un referente nei Paesi Bassi che fungerà da contatto diretto per eventuali controlli.
 
Per quanto riguarda il settore del trasporto merci, l'obbligo vale solo per l'autotrasporto che svolge carico e scarico nel Paese, escludendo quindi i veicoli in solo transito.
Sono invece escluse dall'obbligo le imprese che svolgono attività di corriere o postali, quelle che si occupano di trasporto ferroviario, marittimo e aereo, oltre che i lavoratori coinvolti nel trasporto passeggeri.


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy