Normative

Dal 26 dicembre 2016 è entrato in vigore il decreto che definisce gli standard tecnici e le modalità operative per effettuare la comunicazione preventiva di distacco transfrontaliero dei lavoratori nell’ambito di una prestazione di servizi per le imprese che vogliono operare in Italia o che effettuano trasporti di cabotaggio. Il decreto è frutto del recepimento della direttiva dell’Unione europea relativa al "Distacco e somministrazione transnazionale di lavoratori', nata per prevenire e sanzionare elusioni frodi e violazioni.

In primo luogo, la norma, in caso di distacco transnazionale, stabilisce che:
 
  • il prestatore di servizi deve inviare una comunicazione preventiva, entro le 24 ore precedenti al periodo di distacco, che eventualmente potrà essere annullata entro 24 ore del giorno precedente al primo giorno di distacco. Ogni successiva variazione deve essere comunicata entro cinque giorni dal verificarsi del nuovo evento.
  • La comunicazione, trasmessa telematicamente, deve avvenire usando uno specifico modello (UNI_Distacco_UE) disponibile sul sito del ministero del lavoro e deve contenere le seguenti informazioni:
    • dati identificativi del prestatore di servizi/impresa distaccante (codice univoco dell’azienda attribuito dallo Stato di appartenenza al prestatore di servizi a fini fiscali, previdenziali o simili);
    • generalità dei lavoratori distaccati;
    • durata del distacco (data di inizio e data di fine);
    • sede del distacco: indirizzo o indirizzi del luogo di svolgimento della prestazione lavorativa;
    • dati identificativi del soggetto distaccatario;
    • specifica tipologia di servizi che giustificano il distacco: settore merceologico del soggetto distaccatario – classificazione ATECO 2007 secondo livello; generalità e domicilio eletto del referente; generalità del referente.
  • L'impresa deve conservare, durante il periodo di distacco e fino a 2 anni dalla sua cessazione, il contratto di lavoro, le buste paga e altri documenti inerenti il rapporto lavorativo e deve eleggere un rappresentante domiciliato in Italia che si occupi di ricevere atti e documenti, oltre a nominare un referente con poteri di rappresentanza.
 
Tali obblighi prevedono sanzioni importanti in caso di:
 
  1. mancata conservazione della documentazione inerente il rapporto di lavoro: sanzione prevista da 500 a 3.000 € per ogni lavoratore interessato
  2. mancata designazione del referente in Italia: sanzione prevista da 2.000 a 6.000 € 

È importante sottolineare che la circolare esclude dall’ambito di applicazione delle nuove norme tutti i trasporti internazionali, quindi sia quelli in semplice transito, sia quelli con origine o destino in Italia.
 
Si allegano di seguito le linee guida per la compilazione del modulo.


Allegati
N Descrizione File Download
1
527_Linee_Guida.pdf Download
 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy