News

Il Comitato Centrale dell’Albo autotrasporto merci è in procinto di rafforzare l’attività di verifica dell’adeguatezza e della regolarità delle imprese iscritte all’Albo degli autotrasportatori.
 
È quindi opportuno che tutte le imprese iscritte all’Albo, per propria tutela, effettuino una verifica dei propri dati aziendali sul Portale www.alboautotrasporto.it, in quanto il mancato rispetto dei requisiti di regolarità può comportare la cancellazione dell’impresa dall’Albo e la conseguente impossibilità di poter esercitare la propria attività.
 
La verifica - che riguarderà 107.000 imprese - consentirà di avere un aggiornamento del database delle imprese iscritte anche a seguito della cancellazione di quelle che non hanno titolo a stare nell’Albo.
 
Le imprese interessate potranno, previo accesso al portale dell’Albo con le proprie credenziali, verificare la coerenza dei loro dati con quelli risultanti nelle diverse banche dati ed eventuali difformità riscontrate dovranno essere comunicate alle Autorità che gestiscono le singole banche dati.
 
Nella nuova piattaforma saranno visualizzati i seguenti campi:
 
- l’anagrafica dell’impresa (va verificata in tal caso la coerenza dei dati inseriti nel portale www.alboautotrasporto.it, rispetto a quelli indicati alla Camera di Commercio);
- i veicoli in disponibilità dell’impresa (va verificata in tal caso la consistenza del proprio parco veicolare con quella riportata sul portale www.alboautotrasporto.it per numero di targa e la distinzione in autoveicoli, rimorchi o semirimorchi). Le difformità su questi dati possono essere segnalate all’Ufficio della Motorizzazione Civile competente per territorio;
- la copertura assicurativa dei veicoli (va verificato in tal caso il dato relativo ai veicoli privi di assicurazione esposto sul portale in base alle risultanze di cooperazione con ANIA). Le anomalie rispetto a questo campo vanno comunicate alla propria compagnia di assicurazione.
 
Al fine di verificare la congruità tra il parco veicolare dell’impresa ed il numero dei dipendenti autisti, la piattaforma indicherà anche i conducenti dell’impresa i cui contratti di lavoro sono attivi alla data della visura e presenti nella banca dati UNILAV, con riferimento alle seguenti qualifiche professionali:
 
-              conduttori di mezzi pesanti e camion;
-              conducente di autotreno;
-              conducente di furgone;
-              conducente di autocarro;
-              trasportatore (camionista);
-              autotrasportatore;
-              autotrasportatore merce;
-              camionista;
-              conducente di autobetoniera;
-              conducente di autobotte.
 
Le difformità su questo campo vanno evidenziate direttamente al Ministero del lavoro nel caso di lavoratori assunti dopo il mese di gennaio 2008 o, per quelli assunti precedentemente, che abbiano subito variazioni successive al mese di gennaio 2008.
 
Nel caso di lavoratori assunti precedentemente al gennaio 2008 - considerato che il dato non è contenuto nella banca dati UNILAV - l’impresa potrà dimostrare la propria regolarità, all'atto della verifica da parte dell’Albo.
L'accesso al Portale
 
Per completezza di documentazione, va ricordato che l’accesso al portale dell’Albo è consentito previa registrazione al portale stesso (istruzioni al seguente link:
 
https://www.alboautotrasporto.it/web/portale-albo/iscriviti) e che per poter accedere alle funzionalità complete del Portale è necessario fornire in sede di registrazione l’indirizzo PEC esposto nel certificato CCIAA.
 
Le imprese che hanno già provveduto all’iscrizione al Portale ai soli fini del pagamento quote Albo (e quindi indicando indirizzo di posta elettronica diverso dalla PEC esposta nel certificato CCIAA), per accedere alle funzionalità complete del Portale devono quindi previamente richiedere la sostituzione dell’indirizzo e-mail a suo tempo indicato con quello PEC predetto. A tal fine dovranno indirizzare una e-mail non-PEC all’indirizzo assistenza.autotrasp@mit.gov.it indicando nell’oggetto “VARIAZIONE INDIRIZZO E-MAIL” e nel testo: numero di iscrizione Albo, indirizzo e-mail inserito a sistema ed indirizzo PEC.
 
Le imprese che, pur avendo ricevuto le credenziali, le abbiano smarrite ovvero lasciate scadere possono richiedere il reset della password inviando e-mail non-PEC all’indirizzo assistenza.autotrasp@mit.gov.it indicando nell’oggetto “RESET PASSWORD” e nel testo: numero di iscrizione Albo, numero di matricola (inizia con IT), indirizzo PEC ed un recapito telefonico.
 
Come tale, tutte le imprese iscritte all’Albo sono invitate a voler effettuare, a propria tutela, una verifica dei propri dati sul Portale www.alboautotrasporto.it, in quanto il mancato rispetto dei requisiti di regolarità può comportare la cancellazione dell’impresa dall’Albo e la conseguente impossibilità di poter esercitare la propria attività.
 


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy