News

Pubblicazione: 05/03/2021

Grande soddisfazione è stata espressa dal Direttore Generale di ALIS (Associazione Logistica Intermodalità Sostenibile) Marcello Di Caterina, per la pronuncia dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che ritiene il sistema di adesione di enti di diritto pubblico ad ALIS conforme a tutte le norme di legge.
L’Authority, alla luce di tutti gli elementi di fatto e di diritto forniti dall’associazione, non ha ravvisato alcuna anomalia nel processo di adesione di enti di diritto pubblico ad ALIS.
“ALIS ha impostato la propria azione associativa collegando in modo sano e trasversale i comparti del trasporto e della logistica con le Istituzioni, quali Università, Fondazioni e AdSP, presupponendo che l’adesione di questi ultimi in qualità di Soci Onorari e/o Partner Istituzionali sia necessaria per il raggiungimento della mission associativa e, in ogni caso, limitato alla natura tipicamente istituzionale di tali soggetti ed al contributo che, in tale veste istituzionale, possono offrire al dialogo tra stakeholders pubblici e privati - ha detto Di Caterina -. Si tratta di una notizia che sgombra il campo da dubbi o incertezze interpretative. La partecipazione, senza alcun obbligo né onere economico, di soggetti pubblici alla vita associativa non attiene ovviamente alla gestione dell’associazione, né all’ordinaria partecipazione agli organi associativi”.
 
Uno sguardo privilegiato su intermodalità e sostenibilità ambientale
È di pochi giorni fa l’annuncio di ALIS relativo all’ingresso nel cluster del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università degli Studi Roma Tre, autorevole e prestigioso Ateneo pubblico. E per le prossime settimane sono previsti altri ingressi, attualmente al vaglio del Consiglio Direttivo.
Soci e partner istituzionali aderiscono ad ALIS senza esercitare diritti, né ricoprire incarichi, né essere soggetti agli obblighi che si riferiscono a tutte le altre categorie di soci. Si tratta pertanto di una partecipazione che avviene in modo aperto e trasparente e, come conferma la nota AGCM, nel pieno rispetto delle regole.
“Tale adesione – ha continuato Di Caterina - assolve allo scopo di favorire un concreto e costruttivo dialogo tra gli operatori pubblici e privati, rendendo palese e limpida agli occhi di tutti la partecipazione ed il contributo di tali soggetti istituzionali all’attività associativa di ALIS, con la medesima ratio di trasparenza che ha indotto ALIS a iscriversi nei Registri pubblici di trasparenza dei portatori di interessi tenuti dalla Commissione europea e dal Parlamento europeo e, a livello nazionale, dai ministeri che hanno creato simili registri”.
Ad oggi hanno aderito ad ALIS in qualità di Soci onorari non soltanto alcuni Enti pubblici nazionali, ma anche Istituzioni di altri Paesi europei.
“Il processo di adesione ad ALIS avviene in maniera naturale raccontando agli stakeholder pubblici e privati cosa abbiamo fatto e cosa faremo – ha concluso il Direttore -. Il nostro è un progetto molto autorevole su scala nazionale e internazionale e lavoriamo duramente per il bene dei nostri associati per creare opportunità, consolidando al contempo un dialogo con tutti quei soggetti chiamati ad implementare le politiche del trasporto e della logistica con uno sguardo privilegiato sull’intermodalità e la sostenibilità ambientale”.
 


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy