News

Pubblicazione: 02/08/2021

Il decreto legge n. 105 del 23 luglio 2021 ha prorogato lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2021. Il decreto conferma l’efficacia delle disposizioni contenute nel DPCM del 2 marzo 2021 in materia di formazione e attività connesse al conseguimento delle abilitazioni alla guida.

Continua ad essere autorizzato, in presenza e anche a distanza, lo svolgimento di:
  • corsi abilitanti e prove teoriche e pratiche effettuate dagli uffici della motorizzazione civile e dalle autoscuole per il conseguimento e la revisione delle patenti di guida, delle abilitazioni professionali e di ogni ulteriore titolo richiesto per l’esercizio dell’attività di trasporto;
  • corsi per l'accesso alla professione di trasportatore su strada di merci e viaggiatori
  • corsi sul buon funzionamento del tachigrafo;
  • corsi per il conseguimento e per il rinnovo del certificato di formazione professionale per i conducenti di veicoli che trasportano merci pericolose svolti dalle autoscuole e da altri enti di formazione;
  • corsi di formazione e i corsi abilitanti o comunque autorizzati o finanziati dal MIMS.
 
Presente inoltre la raccomandazione che le attività professionali siano svolte ove possibile in smart working, che sia eventualmente differenziato l’orario di ingresso del personale, che siano incentivati le ferie e i congedi retribuiti nonché effettuate operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro.
 
Stop all’uso delle aule esterne

Una circolare del MIMS - Direzione Generale per la Motorizzazione – del 29 luglio, inoltre,
ha fornito aggiornamenti sulla questione dell’utilizzo di aule esterne da parte di autoscuole, centri di istruzione automobilistica e da enti di formazione autorizzati per svolgere i corsi di qualificazione iniziale e di formazione periodica CQC. La Direzione del ministero non ha ritenuto necessario prorogare oltre la data del 31 luglio 2021 la possibilità di utilizzo di queste aule.
 
In assenza di uno specifico criterio emergenziale di riempimento delle aule, viene ripristinato il criterio di riempimento ante-emergenza Covid 19 e cioè 1,5 mq per allievo, stimato sulla superficie dell’aula al netto degli arredi, e distanza interpersonale di almeno un metro.
 
In parziale deroga, per interrompere o danneggiare attività già programmate presso tali aule, la circolare ministeriale consente che siano ancora utilizzate entro e non oltre il 31 luglio 2021. Le stesse istruzioni si applicano anche ai corsi ADR.
 
Per la formazione a distanza restano, invece, confermate fino alla cessazione dello stato di emergenza le disposizioni in vigore.
 


 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy